Uncategorized

l’abile venditrice

l’abile venditrice
Avevo conosciuto Sabrina al mare, eravamo diventati subito complici, già in quella estate le avevo fatto delle foto, nuda mentre baciava altri amici facendosi accarezzare in tutti i punti.
Una donna così o la lasci o la tieni e te la godi., eppure ci siamo sposati.

Lei bi-laureata in lettere e psicologia non amava il suo lavoro di insegnante precaria, e dato il magro stipendio alla sera si prodigava come venditrice porta a porta di di una nota marca dietetica.

Doveva avere una certo non so che, perché aveva un bel giro nonché dei buoni incassi, aveva molti clienti, e allora lasciato l’insegnamento quel secondo lavoro era ormai il suo lavoro.
Sapeva parlare ed entrava nell’intimo delle persone, più che un lavoro sembrava un passatempo, quando rientravo la sera mi accoglieva con un sorriso smagliante, mi dava tutto senza discussioni anzi a volte ero io il titubante.

Bene andiamo al sodo curiosoni, una sera mentre lei era impegnata fuori, prelevo dalla libreria il contenitore plastico delle schedine di memoria dove conservo i progetti e i programmi di lavoro, perdendomi fra gli stravaganti titoli che davo alle memorie,“Prog 1”, “test 2”, “star gate” si ma come avevo archiviato quello che cercavo, al diavolo il pc era acceso forse cerchiamo, forse quel titolo “prodotti 1” bho!.

Parte la presentazione, Flaconi dei prodotti di lei, fogli illustrativi, stà per cambiare ma ecco alla quinta scheda comparire due mani che spingono due tette conosciute ad avvinghiare un flacone di prodotto.
Poi un altro prodotto a far da scudo alla passera in mezzo alle gambe ben allargate.
Via via le foto si fanno sempre più hard con espressioni sempre più goduriose.
Caspita ora le mani che prendono parte al gioco, diventano quattro, e non sono le mie, Decisamente un bel catalogo. Già e gnocca e brava la mogliettina.

Sono decisamente incuriosito scelgo a caso un altro file “IL valore del prodotto” ,un filmato

Partenza senza pretese, tre ragazzi ventenni seduti su un divano di fronte a un televisore giocano con una consolle, la ripresa e alle spalle del divano.
qualcuno maneggia in maniera goffa la telecamera, suona il campanello, una mano misteriosa apre la porta e lei entra, :“Ciao a tutti ecco i rifornimenti”, i ragazzi si voltano distrattamente :“Ciao Sabri dacci qualche minuto finiamo la partita e siamo da te”
Lei toglie il cappotto dispone in bell’ordine prodotti sul tavolo, inquadratura alle etichette, poi :“Ragazzi approfitto del vostro bagno” decisamente molto banale.
Il filmato riprende con l’ inquadratura su di lei che fa l’occhiolino alla telecamera e il gesto del colpo di pistola “Bang”.
Fa segno verso la telecamera di stare zitti manda un bacio poi silenziosamente toglie il maglione, il reggiseno, cala jeans da ultimo le mutandine rimanendo con uno stupendo paia di calze collegate ad un altrettanto stupendo reggicalze, estrae dalla borsa un paio di sandali da urlo e li calza con un gesto molto sexi. Devo ammetterlo una lei ha passato i trenta ma è decisamente gnocca.
Adesso vediamo cosa combina la maialina, che vuoi fare è fatta così la conosco.
I ragazzi sono sempre intenti al gioco, lei avanza alle spalle del divano in mezzo alla camera, si inginocchia resta nascosta dietro la spalliera facendo comparire solo la testa, ora la camera fa lo zoom sul suo stupendo culo che lei allarga facendo vedere bene il buchino.
La ripresa vine spostata malamente a lato del divano, lei è sempre in ginocchio con la testa appoggiata alla spalliera, qui lo zoom e sulle le tette che devo dire sono arrapanti con quei capezzoli eccitati.
“Tesori miei ma che gioco è ?” ,ricevuta la risposta replica : “Quanto dura ancora?” … , “Non lo sapete? … ma non vi rompete tutto il giorno così … io mi sto già annoiano” , ridacchia verso la telecamera, e si strizza le tette e le agita mentre si alza in piedi.
Gli occhi dei tre sono concentrati sul televisore :“Ancora cinque minuti e siamo da te Sabri” lei non si scompone “Ma avete solo due joystick ?” replica l’esperto :“Non sono joystick sono manettes”. Senza un attimo di indecisione prende le mani a quello al centro, quello senza manettes, gli guida una delle mani sul capezzolo di una tetta e l’altra sulle grandi labbra :“E tu non giochi senti che manettes ho per te … ” Il ragazzo al centro voltatosi si trova viso di fronte la passera con lei che allarga leggermente le labbra, il volto cambia di colore e si stampa un espressione di stupore, ora anche le altre due teste si girano e i due combattenti lasciano il gioco.
Il gesto lascia senza fiato anche me, che forza d’animo la signora d’accordo che è psicologa.
Ora scavalca la spalliera e si sdraia sopra i ragazzi, appoggia la testa su uno laterale mentre proprio al centrale mostra a il meglio di se portando una delle gambe dietro il suo collo.
L’inquadratura si avvicina , qualcuno afferra delicatamente le grandi labbra allargandole la vulva è rosa e umida, le dita del ragazzo al centro entrano delicatamente , poi un dito malizioso gli ispeziona la sfintere.
È chiaro non è un filmato a caso è preparato ma lei gode davvero.
Quando poi una lingua si appoggia sul clitoride mugola di piacere e si contorce, sfila i pantaloncini a quello dove ha la testa e inizia a leccare e succhiare, sta facendo un pompino stupendo e nonostante le dimensioni riesce ad ingoiarlo quasi completamente.
Iniziano a scoparsela e a farla spompinare a giro, lei ha un alta sorpresa per la vittima, sale sul divano e facendo gesto di guardarla bene si impala con l’uccello di uno degli altri, quasi incredulo e con la bocca apertea: “Ma se lo è infilato tutto in un colpo solo” lei annuisce aumentando il ritmo e l’escursione saltando su e giù poi ne chiede uno in bocca, insomma decisamente una ottima lezione di sesso.
É eccitantissimo vederla in azione una vera pornostar.
Siamo al finale ecco sempre agitandosi con il culo meraviglioso fa venire il primo e il secondo, lei è già venuta diverse volte il pavimento è fradicio, per la sua vittima ha un trattamento speciale con la bocca, un favoloso pompino con risucchio e insiste a spompinarlo anche dopo fino a provocargli un tremore incontrollato alle gambe.
Il finale ora lei sorride si fa pagare i prodotti e tra saluti e baci prende i suoi vestiti ed esce dalla porta nuda con i vestiti in spalla.
Sono sicuro che dopo è rientrata a vestirsi non fosse altro che è stato girato in inverno.

Bunlar da hoşunuza gidebilir...

Bir cevap yazın

E-posta hesabınız yayımlanmayacak. Gerekli alanlar * ile işaretlenmişlerdir